Scarica in formato originale LA TERRA DELL'ABBASTANZA_00 LA TERRA DELL'ABBASTANZA_00
Scarica in formato originale LA TERRA DELL'ABBASTANZA_01 LA TERRA DELL'ABBASTANZA_01

LA TERRA DELL'ABBASTANZA

Regia /Director: Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo
Soggetto/Subject: Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo
Sceneggiatura/Screenplay: Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo
Interpreti/Cast: Andrea Carpenzano, Matteo Olivetti, Milena Mancini, Max Tortora, Luca Zingaretti, Demetra Bellina, Michela De Rossi
Fotografia/ Cinematography: Paolo Carnera
Scenografia /Set Design: Paolo Bonfini
Costumi /Costume Design: Massimo Cantini Parrini
Montaggio/ Editing: Marco Spoletini
Musica /Music: Toni Bruna
Suono/Sound: Maricetta Lombardo
Produzione/ Production: Pepito Produzioni, Rai Cinema, supported by MiBACT
Distribuzione Intenazionale /World Sales: The Match Factory Germania, Sierge Streegmann serge.steegmann@matchfactory.de
Country: Italia Italy Anno Year: 2018 RunTime Durata: 95' Dramma Drama (First feature)

Biografia
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo (Roma, 1988) Regista e sceneggiatore. Damiano D'Innocenzo e il gemello Fabio sono cresciuti nella periferia della Capitale dedicandosi alla pittura, alla fotografia e alla scrittura di poesie. Senza una specifica formazione cinematografica, i fratelli D'Innocenzo hanno poi iniziato a realizzare videoclip, produzioni televisive e cinematografiche e un opera teatrale. Nel 2018 firmano il loro primo lungometraggio, "La terra dell'abbastanza", presentato alla 68ma Berlinale nella sezione 'Panorama'. È stato candidato al Nastro d'Argento 2018 come miglior regista esordiente, per lo stesso film.

Sinossi
Mirko (Matteo Olivetti) e Manolo (Andrea Carpenzano) sono due giovani amici della periferia di Roma. Bravi ragazzi, fino al momento in cui, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare. La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l’uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, rispetto e il denaro che non hanno mai avuto. Un biglietto d’entrata per l’inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso.