FESTIVAL NICE USA 2017

Come di consueto, anche quest’anno, NICE presenta il suo programma con l’obiettivo di illustrare il meglio del nuovo cinema italiano . Un’ampia panoramica che ci viene offerta non solo dalla selezione di film in concorso, ma anche da una nuova sezione dedicata a registi contemporanei, nonché da una serie di documentari che già dall’anno scorso costituiscono una parte importante del festival. Alla varietà di generi proposti fa riscontro una diversificazione tematica ricca e affascinante. Personaggi, luoghi geografici, storie corali, linguaggi nella loro varietà raccontano di storie distanti tra loro, ma spesso accomunate in un’indagine psicologica che mette a nudo le svariate dinamiche nei rapporti sociali declinati nelle loro differenti categorie.
Ancora una volta si conferma la tendenza costante nel corso dei 27 anni di storia del NICE che è quella di puntare, attraverso la presentazione di film sia commerciali che indipendenti, a far emergere quei nuovi registi, che, dotati d’uno sguardo libero da condizionamenti, sono riusciti con opere coraggiose e innovative a lanciare dei messaggi importanti, creando nello stesso tempo opere di indubbia qualità artistica.
Nel perseguire tale scelta ci conforta il giudizio del pubblico delle varie città americane, da San Francisco a Washington da NYC a Philadelfia, che, affollando le varie sale in una sorta di full immersion cinematografica, ci segue con entusiasmo e calore per numerosi giorni.
Se da un lato la rivoluzione tecnologica del digitale ci ha permesso di consolidare ed ampliare i nostri progetti, è soprattutto la presenza di registi, attori , tecnici, fotografi che accompagnano i film, l’elemento caratterizzante di questo Festival che riesce ad attivare uno scambio tra i creatori delle opere e coloro che ne usufruiscono, creando le basi per un dialogo che lungo il corso dei tour nei vari Paesi svela identità comuni, ma anche sensibilità culturali differenti. In questa direzione vanno anche i dibattiti organizzati con gli studenti delle Università e gli incontri con i cineasti locali. Sono tutti elementi che servono a mettere in moto una circolazione di idee necessaria, per demolire quei pregiudizi, che pur in un mondo globalizzato, condizionano ancora la nostra conoscenza reciproca.
Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti coloro che hanno accettato la nostra scommessa, in primis gli autori delle opere, e che hanno reso possibile la vita e l’indipendenza del nostro Festival, permettendo una indubbia affermazione al livello internazionale. La nostra missione continua, malgrado le difficoltà dovute a sovvenzioni sempre più scarne e a una competizione sempre più aggressiva. E questo avviene grazie al costante supporto dato da produttori, distributori per l’estero, partner e sponsor e infine dal personale di NICE che non ha mai fatto mancare la sua professionalità e dedizione.

Viviana del Bianco, Direttrice N.I.C.E.